Craftbeer: Hibu a Bernareggio

Brianza, Venerdi di fine luglio, primo pomeriggio, trentacinque gradi:  in mezzo a un deserto di capannoni un cartello che promette refrigerio, tra qualche ora.

#temporary #beer @Birrificio_hibu #craftbeer #ciboprossimo

A post shared by Ciboprossimo (@ciboprossimo) on

Sono al birrifico Hibu con Gianluca che sta raccontando l’avventura partita anni fa da un kit birra,  e proseguita  facendosi produrre 10,000 litri di birra il primo anno, 2006,  da  un birrificio amico.  “Pensavamo di fare questa attività nel tempo libero” dice Gianluca “in realtà da semplice passione è diventato un lavoro che ci impegna tutto il tempo disponibile”. Quest’anno i litri saranno 180.000, infatti ne escono 1000 al giorno, quasi tutti i giorni, da un impianto nuovissimo, di proprietà, che ora produce anche per altre brew firm.

produzione @Birrificio_hibu #craftbeer #ciboprossimo

A post shared by Ciboprossimo (@ciboprossimo) on

Raimondo, il mastro birraio, utilizza come base malto pils proveniente dalla Basilicata, e malti provenienti da Germania e Belgio per dare struttura e aromi diversi alle sei ale annuali ad alta fermentazione,  che costituiscono l’ossatura della produzione Hibu.

A queste si aggiungono birre stagionali e speciali, oltre ad un migliaio di litri affinati in barriques, usate precedentamente per amarone e sforzato, con l’aggiunta di frutta; da quest’anno anche le ciliegie per ottenere una birra in stile kriek.

#amarone #barriques per #kriek @Birrificio_hibu #ciboprossimo #craftbeer

A post shared by Ciboprossimo (@ciboprossimo) on

L’assenza di pastorizzazione e la rifermentazione in bottiglia inducono una evoluzione continua nel gusto delle birre Hibu che, nel caso di quelle con tenore alcolico più elevato, possono essere consumate anche a distanza di quattro anni dall’imbottigliamento, con gusti e aromi differenti dalle bottiglie più recenti.

#ciboprossimo il caos creativo da ottimi frutti @Birrificio_hibu #craftbeer

A post shared by alecrotta (@alecrotta) on

Credo che più delle parole valga bersi un bicchiere di Entropia o di Gotha e assaporarne profumo, anche le birre profumano, talvolta, e sapore, per ritrovarci la passione che Gianluca, Raimondo e Lorenzo ci hanno messo. Per cui prendete l’auto, solo perchè dovete caricare la birra, andate a Bernareggio e dite che vi manda Ciboprossimo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...