Olio Podere Midolla

Amano e Rispettano la Natura

Antonella Rastrelli produce olio d’oliva in Toscana. Lei e Shumei hanno formato una partnership per la produzione di olio di oliva secondo le pratiche dell’Agricoltura Naturale da usare nei due ristoranti del Miho Museum. L’articolo che segue è tratto da una presentazione che la Sig.ra Rastrelli ha dato durante la celebrazione dell’anniversario della Shumei Europa  nel mese di settembre dello scorso anno. Il testo è stato modificato e ridotto per l’utilizzo in questa pubblicazione

Olio Podere Midolla

Un grazie di cuore a Kaicho-Sensei Hiroko Koyama. E’ stato grazie alla sua passione per la cucina a base di ingredienti prodotti con i metodi dell’Agricoltura Naturale, che l’olio d’oliva che coltivo è stato scelto nella primavera del 2009, per essere utilizzato nella preparazione dei cibi nei Ristoranti del Miho Museum. Il mio olio ora è un mezzo per ampliare l’interesse delle persone verso l’Agricoltura Naturale essendo uno dei tanti alimenti disponibili a coloro che ogni anno affollano il museo da tutto il mondo. Sono in debito con la signora Koyama per avermi  dato una grande opportunità e spero che la mia preghiera diventi sempre più forte affinché l’Agricoltura Naturale si diffonda in tutto il mondo, grazie anche al maggior numero di persone che avvertono il sapore del mio olio di oliva.
E’ stato Marcello Dragoni, direttore generale del frantoio di Montalbano di Vinci, che per primo mi ha raccontato di Shumei e dell’Agricoltura Naturale nel 2008. Ha una grande conoscenza dell’olio d’oliva, in particolare della varietà toscana, visto che sono più di 2000 le aziende che producono olio ad ovest di Firenze che usano il suo frantoio,  Lo staff di Shumei a Milano gli aveva chiesto di trovare un olivicoltore di buon cuore con un oliveto adatto per la coltivazione delle olive secondo il metodo dell’Agricoltura Naturale. Fin dall’inizio, mi sono resa conto che, nonostante le nostre differenze culturali, la filosofia di Shumei era molto vicina al mio modo di pensare, perché i nostri obiettivi sono gli stessi. Così, ho deciso di applicare i principi dell’Agricoltura Naturale a tutti i 15 ettari [circa 37 acri] della mia azienda, e non solo a quell’ettaro contrattualmente pattuito con Shumei.

La mia storia e i miei valori

L’olio d’oliva è sempre stata una parte della mia vita. In effetti, la famiglia di mio padre è stata nel settore dell’olio d’oliva per tre generazioni e la famiglia di mia madre possiede il Podere Midolla da più di 80 anni.
Nel 1960, molti agricoltori toscani abbandonarono la vita rurale per cercare migliori condizioni di vita nelle fabbriche delle aree urbane. Nel 1964, il Podere Midolla è stato messo a riposo visto che la mia famiglia lo aveva affidato ad un uomo con il solo scopo di salvare gli ulivi dall’estinzione.
Stavo lavorando negli uffici amministrativi del business di mio padre quando ho preso alcune decisioni fondamentali su come coltivare il Podere Midolla. Nel 1995, ho deciso di limitare l’uso di sostanze chimiche e di eliminare i pesticidi. Nel 2000, all’età di 44 anni, ho deciso di trasformare la mia vita e di dedicare tutto il mio tempo al Podere Midolla, che era sul punto di morte. Ho rimesso a posto la casa che si stava sgretolando e ho iniziato a gestire l’azienda agricola soprattutto dal lato ospitalità rurale per conto mio. Per la raccolta delle olive, la potatura e togliere l’erba alcune persone qualificate sono venute ad aiutarmi.

Le ragioni principali per fare questa scelta nella mia vita sono state:

  • Una volta ero una ragazza scout e credo che sia mio dovere di lasciare il mondo in uno stato migliore di quello che l’ho trovato, perché la terra non ci è stata data dai nostri genitori, ma ci viene prestata dai nostri figli.
  • L’attenzione deve essere rivolta alla natura e la natura deve essere rispettata e non forzata, perché la terra è il lavoro di Dio e può produrre abbastanza cibo per tutti se il genere umano lo condivide senza sprecarlo. In realtà, molti di noi pregano “Padre nostro … dacci oggi il nostro pane quotidiano”. Questo significa che non dovremmo accumulare quello che abbiamo oggi per il gusto di avere ancora di più domani, ma che invece dovremmo condividere ciò che abbiamo in abbondanza oggi con gli altri. Solo in questo modo, ci sarà abbastanza pane per tutti.

Come possono questi principi si applicano al settore agricolo?

  • Adottare una buona pratica agricola, anziché usare fertilizzanti chimici, letame, o pesticidi.
  • Attendere pazientemente che la terra dia i suoi frutti, piuttosto che forzarla a farlo.
  • Mostrare attenzione e rispetto per le piante cresciute spontaneamente. Sostenere la biodiversità. Rifiutare del tutto l’uso di semi e piante geneticamente modificati, perché stanno artificialmente forzando la natura.

Olive Podere Midolla

Shumei’s Teachings

Shumei ha altri insegnamenti in materia di Agricoltura Naturale oltre a quelli sopra elencati. E a volte devo lavorare molto duro per osservare certi precetti che sono difficili per il mio pragmatico modo di pensare occidentale. La lezione più difficile da comprendere è stata quella che fertilizzare con il letame e usare il rame per combattere i parassiti è sbagliato. Letame e rame sono sostanze naturali che sono sempre state usate nella olivicoltura toscana e sono ammesse come parte di tecniche agricole sostenibili e biologiche. Ho fatto molta fatica ad accettare questa regola. Anche il nostro agricoltore era molto scettico e ha detto che le piante avrebbero sofferto della mancanza di nutrimento e che non saremmo stati in grado di scongiurare parassiti e insetti nocivi. Ma gli orticoltori di Shumei mi hanno fornito esempi e prove di campi fertili coltivati nel deserto africano. Shumei mi sostiene anche con la preghiera. Tutto questo mi dà grande gioia e mi aiuta a continuare a praticare l’Agricoltura Naturale.
Da Shumei ho imparato la gratitudine, la preghiera, e di essere grati a Dio per ciò che ci ha dato attraverso la natura. Anche se io lo avevo dimenticato, so che nel passato i contadini pregavano e ringraziavano Dio per il buon raccolto. Avrebbero rispettato la natura senza forzarla. La Terra mi ha insegnato e ricordato di molte cose. Con l’aiuto di Shumei, sto riscoprendo la gioia della preghiera e quella di essere grata.

Risultati

Ho iniziato ad applicare il metodo dell’Agricoltura Naturale nel 2008, e ad essere onesti, non sono sicura se il gusto e la qualità del mio olio è migliorata con questo pratica.
Tuttavia, la signora Hiroko Koyama e gli altri membri di Shumei hanno una grande considerazione per esso. Vorrei ringraziare sinceramente tutti per questo con tutto il mio cuore. Cerco di fare il mio lavoro nel miglior modo possibile e adatto lo stoccaggio e le tecniche di imbottigliamento ai metodi dell’Agricoltura Naturale che ora sono diventati molto più importanti con la partnership con Shumei. Anche il frantoio dove schiaccio le mie olive, evita accuratamente di contaminarle con oli di altri coltivatori. Il frantoio schiaccia sempre le mie olive per prime, dopo che la macchina è stata lavata. Questo richiede di pianificare tutto con precisione.
Rendere grazie, la preghiera e le pratiche corrette hanno un’influenza positiva sull’olio, aggiungendo qualcosa di più. E’ invisibile, ma sicuramente c’è qualcosa di più. Stimola chi assaggia. Dà loro gioia!

Ho notato quanto segue dopo avere iniziato a praticare l’Agricoltura Naturale:

  • Nell’ottobre 2008, ho piantato 400 piccoli olivi in un campo dove c’era stato in precedenza un boschetto di pini e altre piante. Questo implicava che il suolo doveva essere lavorato fino ad una grande profondità per sradicare queste piante, rendendolo abbastanza instabile. L’inverno del 2008 e la primavera del 2009 furono molto piovose. L’estate del 2009 è stata molto calda e non ha piovuto per cinque mesi. Questi piccoli alberi di ulivo erano in una situazione pericolosa. Io non ho fertilizzato questi piccoli alberi né ho usato sostanze per proteggerli dalle malattie. Alcuni sono morti ma molti altri sono ancora vivi e stanno crescendo, anche se lentamente.
  • Come ho già detto, l’estate del Il 2009 è stata molto calda in Toscana e non ha piovuto per cinque mesi. Così, in autunno molte olive caddero a terra perché erano deboli e molti produttori hanno avuto un raccolto inferiore del previsto. Tuttavia, posso dirvi che le olive del Podere Midolla sono rimaste sui loro rami fino a quando non sono maturate.
  • L’inverno del 2009/2010 è stato molto freddo in Toscana. Il gelo ha causato crepe sulla corteccia dei rami, lasciando gli alberi esposti alle infezioni batteriche. Tradizionalmente, questa situazione veniva affrontata applicando il rame sui rami feriti. Tuttavia, poiché stavo praticando l’Agricoltura naturale, non ho usato il rame. Pertanto, alcuni rami si sono ammalati e l’infezione si stava diffondendo. Ho tagliato dagli alberi alcuni rami malati e quando sarà il momento per la potatura, li farò tagliare ancora di più. Non posso ancora dire che risultato otterremo.

Conclusioni

Sensei Alan Imai è un ottimo consigliere, che influenza con l’esempio diretto. Quando ho qualunque domanda o dubbio, ne parlo direttamente con lui o con gli altri specialisti Shumei in Agricoltura Naturale, senza alcuna esitazione. In questo modo, Shumei e io impariamo e cresciamo insieme.  

Gli amici di Shumei mi dicono che gli unici additivi per il mio olio ultra-naturale e puro sono la passione e la preghiera. L’olio del Podere Midolla è utilizzato nei ristoranti al Miho Museum e molti visitatori hanno cominciato ad interessarsi al mio oliveto che viene presentato come un modello per la pratica dell’Agricoltura Naturale. Pertanto, Shumei mi consiglia e mi sostiene e condivide con me anche la filosofia e gli insegnamenti di Meishusama in qualità di partner.
E ‘attraverso questa reciproca amicizia che Shumei e io insieme possiamo far avanzare l’Agricoltura Naturale. Insieme possiamo seguire la strada della produzione alimentare della più pura e più alta qualità naturale, una qualità che porta gioia e benessere, e di agire come un faro per tutti coloro che in ultima analisi guariranno la Terra.

Penso che le parole di Antonella Rastrelli, che trovate in inglese nella rivista di Shumei, diano alcune risposte alle domande che ci facevamo ieri a proposito dello stato dell’Agricoltura Naturale in Italia. Vi ricordo ancora che potete incontrarla insieme a Sensei Alan Imai alla conferenza HEALTH, EARTH & AGRICULTURE, LA SALUTE DELL’UMANITA’ ATTRAVERSO LA RISCOPERTA DELL’AGRICOLTURA NATURALE che si terrà a Milano il 28/9/2013.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...